Amore giusto, amore sbagliato

Posso darti tanti consigli sulle relazioni ma non faranno alcuna differenza se scegli l’uomo sbagliato. Quindi io non ti darò consigli. Ti racconterò invece cosa ho imparato io. Vedo tante donne scegliere in fretta, scegliere qualcuno che non va bene, che non è compatibile come personalità, poi si chiedono che cosa stiano facendo male, perché vada tutto a rotoli e non riescano a ottenere l’amore che hanno sognato. 

Quando ero ragazzina, ho passato (secondo me) troppo tempo a inseguire i ragazzi che non volevano o non potevano darmi quello che volevo, e poi mi sono chiesta che cosa non andava in me, perché ero così dannatamente sbagliata! Ora ovviamente vedo chiaro che il problema era semplice: non ero sbagliata io, ma facevo solo le scelte sbagliate. Stavo scegliendo gli uomini sbagliati. Più volte anche. Sembra abbastanza semplice, ma è una cosa molto difficile. Specialmente sentire dire tua madre che lui non va bene o che lei te l’aveva detto. Noi in tanto ci innamoriamo di questi uomini “sbagliati” perché sembrano così diversi ed  è per questo che ci sembra così giusto perché siamo trascinati nella passione, negli orgasmi multipli, nella chimica e nell’inebriante aura di indisponibilità; veniamo risucchiati nello spazio che esiste quando qualcuno è appena fuori dalla nostra portata e ci fa desiderare ardentemente. Ci convinciamo che è così, che è lui il nostro LUI e dobbiamo solo farglielo vedere che noi siamo la sua LEI.

Ed è qui che nascono i problemi. È qui che tutte le lacrime, le domande e i dubbi, le incertezze e le paure iniziano a consumarti. Magari all’inizio non te ne accorgi neanche, pensi che è normale, che l’amore è così. Scambi questi sentimenti per il vero amore perché non ti sei mai sentita così prima, e pensi che debba essere perché questo ragazzo è tanto diverso e quindi questa relazione è destinata a durare. Ma non è così!

Dove ci sono dubbi ed incertezze e soprattutto lacrime e paure difficilmente c’è l’amore. L’amore vero, quello giusto, quello buono non ti consuma, non ti fa male, non ti fa sentire una merda. Mai.

Ma allora, se questo non è l’amore giusto, come riconosco quello giusto?

Prima di pensare che cosa dovresti cercare in un amore e in un uomo, prima di capire cosa sia più adatto alla tua personalità è importante guardare come inizia una relazione. L’inizio di un rapporto di amore può spesso farci vedere attraverso una lente di color rosa e talvolta portarci in una relazione sbagliata, spesso tossica.

Conosci la scena quando incontri qualcuno, qualcosa fa clic e all’improvviso ti sembra che una forza esterna a te abbia preso il sopravvento? Dopo questo incontro non puoi più toglierti questo uomo dalla testa. Cerchi di pensare ad altre cose ma niente funziona. Rimugini ogni dettaglio della vostra interazione con lui – cosa ha detto, cosa avete detto, cosa ha detto il suo linguaggio del corpo. Pensi alle cose che avresti voluto dire e le cose che invece hai detto. Poi controlli costantemente il tuo telefono per vedere se ha chiamato o scritto, vai sul social e guardi ogni sua mossa, ti chiedi perché non ti scrive se è online, ed aspetti ansiosa che ti scrive sul quel dannato messenger, oltre che conti quanti like ti fa o fa a qualcun’altra. Se lo fa, ti si stringe lo stomaco, il tuo cuore corre, vuoi saltare su e giù e gridare la tua gioia. E poi inizi a studiare i suoi post anche, senti che hai bisogno di capire meglio lui e subito per capire la cosa giusta per dirgli di nuovo, la battuta perfetta per dimostrargli che sei perfetta, che voi siete perfetti l’uno per l’altro, che lui aspettava solo te nella sua vita. Vuoi dimostrare. Vuoi sembrare. Desideri essere tutto e subito. A maggior parte delle volte però questo è sbagliato. Devi capire che tu non devi essere perfetto, non devi essere come pensi che per lui potresti essere perfetto o a lui potrebbe piacere.

Tu devi essere solo ed unicamente te stesso!

Il peggio quando questa cosa continua mentre ti avventuri in una relazione, e diventa ancora più intenso oltre che quotidiano. Non saprai mai esattamente dove ti trovi. Se sei abbastanza se sei giusta, ti domanderai come e cosa potresti fare meglio continuamente vuoi essere perfetta per lui, il migliore, vuoi decidere tu, che sarai il suo più grande e più perfetto amore. L’incertezza ti tiene sempre e costantemente in allerta per qualcosa che sembra un brutto segno o un presagio minaccioso. Questo emozionante otto-volante è tanto elettrizzante quanto estenuante per la tua anima. Ti fai del male ma non te ne rendi conto. Vedi solo che per te la cosa peggiore che potrebbe accadere è che lui se ne vada. È questo diventerà una paura che guida tutto ciò che dici e fai. Arriverai al punto a lungo andare nella relazione che farai amore più spesso ancora quanto tu lo desidereresti, per paura che lui lo cerca altrove. Oppure farai cose per lui che normalmente tu, per te non faresti. Non dirai se qualcosa non va, non ti da piacere. Non dirai no. Mai. Per paura.

Devi sapere però che fare cose, sopratutto decisione per paura non è la cosa giusta!

Ma vediamo un altro scenario…

Incontri un ragazzo, pensi che sia carino e tutto ti piace di lui quando lo guardi ti fa sentire bene, avete una buona conversazione, e ottiene il tuo numero. Mentre sei contento di aver conosciuto lui, non vai  a cercare suo nome sempre sul schermo del tuo telefono. Mentre sei contento, non ti ecciti eccessivamente. Ok, magari controlli il suo profilo Facebook, ma solo per pochi minuti. Non sei ossessivo, affamato per informazioni (chi è quella zo***la con il corpo perfetto che li ha fatto like?), non impazzisti e non esci da te stesso. Lo vuoi conoscerlo meglio certo, ma vuoi dare tempo. Non corri. Non ti consuma nessun fuoco inaspettato ma senti un calore bello, sì, bollente, ma in qualche modo sicuro. Non hai dubbi e non ti senti insicura o non abbastanza. Sei felice sentire lui o leggere dei suoi messaggi, vuoi ascoltare ed aspetti tutto ciò che ti vuole dire, ma non sei impaziente da pazza furiosa che non mangia dalla angoscia. Uscite, vi divertite, non state appiccicati, ma fate abbastanza cose insieme.  Le cose sono belli e tranquille, non c’è dramma, palpitazioni cardiache eccessive, da non respirare, tutto sembra davvero bello. E lo è. Non solo sembra.

Quale relazione ritieni abbia maggiori possibilità di sopravvivenza? Istintivamente (almeno spero) diresti il secondo. Nella vita reale però cadresti per il primo. Al istante. Questo quasi sicuro. Specialmente se sei ancora giovane o non hai avuto esperienze nel amore perché sei una che ha sposato il suo primo “sbagliato” amore e ti trovi divorziata a 45 anni e rimpiazzata da una di 25. E sai perché sceglieresti il primo scenario? Perché illustra tutto ciò che ci è stato insegnato sull’amore sin dalla infanzia con i racconti di favola, i cartoni poi dai film, libri e anche dal genitori…

Nei film e nei romanzi d’amore, l’amore è una forza imponente e onnipresente che ti trasporta nel modo più drammatico. Ci sono enormi ostacoli da superare, ma va bene perché l’amore conquista tutti e l’amore supera ogni cosa! Certo.

L’amore reciproco basato sui fondali solidi, maturati nel tempo, con reciproco rispetto uno per l’altro fanno a superare tantissime cose. Ma non supererà nessun amore “sano” la gelosia estrema, la voglia di sembrare perfetta per lui, l’aggressività verbale e fisica, la manipolazione emotiva ad esempio.

Secondo una teoria,  la spinta di passione che proviamo nei confronti di un’altra persona (la persona sbagliata) è guidata dal nostro desiderio inconscio di correggere qualche problema dal nostro passato. Questa teoria afferma che cerchiamo inconsciamente partner che riflettono l’immagine dei nostri genitori in modo che possiamo provare a guarire le ferite da loro inflitte, lavorando su problemi con qualcuno a loro immagine.

Se i tuoi genitori ti hanno sempre fatto sentire come se non fossi abbastanza bravo, potresti cercare amori che ti fanno sentire non abbastanza bravo, quindi provare a vincerli nel tentativo per rettificare quei sentimenti dolorosi del tuo passato. Queste decisioni però non sono consapevoli, avvengono molto in profondità sotto la superficie in aree a cui non possiamo accedere facilmente.

Forse questo suona un po ‘troppo scientifico per te, ma è un concetto potente nel campo della psicologia perciò vale la pena considerare. So di aver visto qualcosa di simile nella mia vita personale e nel mio percorso dove sono cresciuta emotivamente e sono diventata la persona che sono oggi. Era una strada durissima. Te lo assicuro!

A volte mi veniva in mente, che “Ei, non avete detto che fare il adulto sarà così, non lo voglio più!” Ma anche stavo pensando di scappare al fine del mondo con dei cani e gatti ed amare esclusivamente solo loro.

Comunque essere infatuati sembra una cosa grandiosa e romantica, ma in realtà può essere anche pericoloso perché non ascoltiamo ed osserviamo bene. Il problema con l’infatuazione è che non si basa sulla realtà. L’infatuazione ti fa innamorare di un’immagine piuttosto che di una persona reale. Ti fa mettere qualcuno su un piedistallo e trascurare i suoi difetti. E poi dal momento che lui è così “perfetto”, hai paura di essere te stesso – e ti chiedi (inconsapevolmente) come potrebbe mai il tuo vero sé essere piaciuto dalla perfezione suo?

E quindi diventi qualcun’altro.

Non vuoi dire la cosa sbagliata, non vuoi spaventarlo, e non sei più genuino nelle tue interazioni. Non sei te, non sempre, o quasi mai. Trascuri il tuo io più delle volte. Ti affidi alla sua approvazione così disperatamente che diventi anche un po’ bisognoso. Ma così perderai il tuo senso del valore perché diventa avvolto da ciò che lui prova per te. Perderai o non imparerai mai ad amare te stesso per quello che sei perché dipenderai da un immagine di te stesso che pensi che meglio per lui o che lui desidera. In queste situazioni inevitabile. Ti metti sotto, ti metti indietro. Dovresti fare la domanda però, che se lui ti ama quanto tu pensi/vuoi perché ti lascia fare così? Perché lascia che tu svanisci dalla tua stessa vita? La risposta è perché non le interessa, comodo così, per lui e per suoi bisogni va bene così. Non è l’amore di quale sognavi da bambina, vero?

Sapete, ho imparato che le relazioni sane si costruiscono nel tempo, nella realtà, non nella fantasia e sempre insieme.

E  mai o in rari occasioni sono basate sulla pazzia di un passione proibito. Le relazioni sane di solito iniziano con interesse e attrazione reciproco che crescono nel tempo. Questo è l’esatto contrario delle relazioni malsane, che di solito iniziano con un grande spettacolo di un fuoco d’artificio che poi si trasforma in fumo. Nonostante qualsiasi bagliore e belle parole, il sesso sfrenato o un improvviso accecamento tuo al inizio,  l’uomo di qui sognavi da bambina ha tra le sue qualità queste cose:

  • Ti vede come suo partner. Non sei un oggetto ne decorazione.
  • Ha valori simili alla tua e crede nelle cose in qui credi anche tu.
  • È orientato alla crescita. Nella coppia, nel campo professionale e anche individuale. Tiene importante anche la tua crescita (e individualità).
  • Ti considera quando prendi decisioni, sia grandi che piccole.
  • Ama le tue buone qualità e accetta e abbraccia il male senza farti sentire in colpa per aver difetti.
  • E lì per te quando hai bisogno di lui, anche se è scomodo per lui.
  • Non cerca sempre scuse, piuttosto cerca le soluzioni.
  • Vuole renderti felice. E lo stesso tempo ti incoraggia di farti trovare le tue piccole felicità indipendenti da lui, nel lavoro, nel tuo hobby etc.
  • Comunica con te, anche su questioni difficili e anche se uno di voi è arrabbiato con l’altro. Non usa il silenzio come punizione, che tra’altro è un comportamento narcisista (anche dai genitori, no, non e educativo.)
  • Vuole lo stesso tipo di impegno che vuoi
  • Vuole farlo funzionare. Per lui tu anzi voi siete al primo posto. È disposto a fare sforzi e lavora insieme a te per avere un rapporto felice che funziona con i vostri su e vostri giù, nel suoi modi considera voi sempre insieme, forti uno per l’altro come una famiglia, perché quello che siete. La casa di lui e la casa tua il vostro abbraccio. Che poi meglio che succede spesso. Preferibilmente ogni giorno.

 

 

 

 

 

Annunci

One Reply to “Amore giusto, amore sbagliato”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...